Se sei ammalato non guidare

autista privato

Basta un forte raffreddore, con continui starnuti e quel senso di pesantezza alla testa per rendere qualsiasi trasferimento in automobile carico di stress e fatica. Quanto sarebbe meglio avere un comodo autista privato o personale che guida la tua auto?

L’offerta di persone che propongono questo servizio è ampia e variegata. La fanno da padrone tutti i siti più famosi di vendita di oggetti, che hanno delle vastissime sezioni dedicate al lavoro. Poi ci sono i siti specializzati in sharing di tempo, come www.ciaoaldo.com  che offrono solo autisti privati e personali.

Quindi già di per sé è stressante essere ammalati, anche con un semplice raffreddore. Figuriamoci poi guidare. E non importa che sia estate o inverno. La temperatura della macchina potrebbe anche essere perfetta, ma sbalzi di temperatura, finestrini alzati e abbassati, portiere che si aprono e chi più ne ha più ne metta, rendono pesante e stressante la vita nell’abitacolo.

Gli starnuti possono aumentare, la sudorazione anche. E il senso di fastidio cresce a dismisura. Se poi magari abbiamo dei passeggeri, poveri loro! Il rischio di essere, per così dire contaminati, anche da un semplice mal di gola, è ovviamente altissimo. Molto più alto che stare in spazi aperti.

Inoltre, sempre continuando a parlare di malesseri di stagione, anche la reattività nostra alla guida è sicuramente minore. La testa è più pesante e lacrimano gli occhi. Per capire meglio quanto possa essere più rischioso guidare anche con una forte costipazione pensate di andare a fare una qualsiasi attività fisica, anche non pesante, in siffatte condizioni.

Primo sicuramente non se ne ha nessuna voglia. Secondo se forziamo la nostra volontà e lo facciamo, come saranno le nostre prestazioni? Migliori o uguali a quelle di quando siamo in forma? Non lo crediamo affatto. E, quindi il consiglio per affrontare la strada senza stress è quello di evitare e se proprio si deve usare un autista privato o personale.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.