Perché strada senza stress

stress
Le ragioni

La ragione di questo blog è presto spiegata: il tragico crollo del Ponte Morandi ci dice che le strade italiane sono in condizioni tali da non garantire la serenità nei viaggi e causare alti livelli di stress.

Allo stress della guida, del traffico si aggiunge quello di sapere che le strade non sono sicure. Anzi. E ovunque in Italia. I crolli dei ponti, appena costruiti, come quello sulla A14 dello scorso anno o vecchi come quello in Lombardia crollato per via di un trasporto eccezionale che non poteva e non doveva passare, sono indice di una situazione che non promette nulla di buono.

La rete viaria italiana è stata progettata e costruita qualche decennio fa, dagli anni ’60 agli ’80.

Il traffico era meno ed il peso di auto e camion diverso, ovviamente più leggero.

Quali sono i motivi che causano stress?

Oggi quindi mettersi in strada rappresenta uno stress per vari motivi. Guidare non è divertente: ci sono i limiti, di velocità giusti, ma che durante la guida fanno aumentare la tensione, quindi lo stress, per il rischio di vedersi la patente sospesa. Poi c’è il traffico, sempre più caotico e sempre più spalmato su tutti i giorni e gli orari della settimana.

Poi ancora ci sono gli incidenti, che sono diretta conseguenza del traffico, ma che aumentano lo stress di guida. E ci sono anche i guidatori incapaci, quelli che per esempio occupano la corsia centrale dell’autostrada, senza rendersi conto del disagio che causano e della pericolosità del loro comportamento. E tra le cause di stress c’è anche il tempo atmosferico, con fenomeni che, nel corso degli anni stanno diventando sempre più violenti: nubifragi, acquazzoni, tutte situazioni che, complice anche lo stato delle strade, aumentano la pericolosità della guida.

In questo blog cercheremo quindi di consigliare a chi si mette in strada scelte di guida che consentano di minimizzare lo stress.

Per esempio avere un “autista personale che guida la tua auto” come quelli proposti dalla piattaforma www.ciaoaldo.com

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.